Spuntano i primi mockup dell’iPad mini 6 e degli iPad Pro 2021.

In rete sono comparsi i primi mockup dell’ iPad mini di sesta generazione e dei Pro 2021. Per chi non lo sapesse i mockup sono delle stampe realistiche che le società danno ai produttori di accessori, comprese custodie, per far si che gli stessi siano pronti al lancio dei device. Sul retro dei tablet troviamo spazio per la doppia fotocamera (più sensore LiDAR) sui Pro da 11” e 12,9”; sul fronte iPad mini e una singola fotocamera, che lo scrivente ritiene migliorata rispetto alla generazione precedente. Sul frontale appaiono le sorprese, mentre sui Pro rimane tutto uguale, salvo il display mini-LED, al momento previsto solo sul modello con diagonale più grande; sul mini ci sono le cornici con il tasto Home, in linea a ciò che predissi a gennaio. Dico che è una sorpresa perché molti analisti e leaker, eccezion fatta per il sottoscritto e pochi altri, si sono spinti verso una sorta di iPad Air in miniatura. Sul fronte processore i Pro dovrebbero montare il SoC A14X mentre sul mini non ci sono certezze, quindi ribadisco la mia previsione fatta a gennaio: ho A13 e prezzo immutato, al massimo un po’ più basso; o chip A14 e prezzo – in Italia- aumentato di 30€, quindi 499€

Un presunto mockup di iPhone 13 mostra un notch più piccolo, in linea con le indiscrezioni.

Il sito giapponese MacOtakara ha pubblicato le foto di un presunto mockup di un iPhone 13 Pro dal quale si evince che il notch sarà più piccolo, in linea con le indiscrezioni. Il sito giapponese ha anche pubblicato le dimensioni dello stesso che sarà più alto (5,35 mm contro i 5,30 mm attuali) ma più stretto (26,80 mm contro i 34,83 mm dell’attuale).

Spuntano conferme sui nuovi iMac con Silicon.

Tempo fa vi parlai dei nuovi iMac con processore proprietario, ipotizzando un design simile all’iPad Air, ovvero con bordi squadrati e retro piatto. Ora non solo Bloomberg ma anche L0vetodream conferma questa ipotesi. Inoltre aggiungo che avranno, complice la riduzione delle cornici, un display da 24” e da 32”. Sui processori io azzardo che monteranno l’M1 per la fascia bassa e l’M1X (con 16 core ad altre prestazioni e 4 core a risparmio energetico e GPU a 16 core) per i modelli più performanti.

I 120Hz sugli iPhone 13 Pro è ormai ufficiale: Samsung prepara i display.

Secondo una nota riservata agli investitori Samsung starebbe per avviare la produzione di schermi OLED di tipo LTPO, ovvero con frequenza variabile fino a 120Hz. Il cliente? Apple, che dovrebbe montarli sui due iPhone denominati Pro: il 13 Pro e il 13 Pro Max.

Apple pensa a degli HomePod con schermo e videocamera.

Secondo Bloomberg Apple è al lavoro per la produzione di un HomePod con schermo e videocamera. Praticamente dovrebbe essere un Echo Show in salsa Apple, ovvero integrato perfettamente nell’ecosistema; secondo molti potrebbe avere anche l’App Store, e questa sarebbe una grande cosa. Sempre secondo la testata giornalistica statunitense la produzione, con seguente commercializzazione, non è imminente.

Apple fa fuori l’iMac da 21” 4K nei tagli di memoria più grandi.

Nella notte Apple ha tolto dal mercato l’iMac 21” 4K con i tagli di memoria da 512 e 1 terabyte; rimangono disponibili all’acquisto sullo store ufficiale i modelli da 256 e quello con la fusion-drive da 1 terabyte. Questo è un ulteriore indizio che siamo vicini alla presentazione degli iMac con Silicon, io credo che Apple farà due modelli: quello base con M1 e uno Pro con M1X.

iMac Pro è uscito fuori produzione e non è più acquistabile sullo store online.

L’iMac Pro, presentato nel 2017 e mai aggiornato, è uscito fuori produzione e non è più acquistabile sullo store online di Apple. Questo abbandono di codesto Mac può significare che Apple sia in procinto di presentare dei nuovi iMac con chip M1X a 16 core o forse più; anche se non escludo che possa presentare anche una versione “base” con il chip M1 a 8 core, quello che abbiamo visto su Mac mini, MacBook Air e MacBook Pro.

Apple domina ancora nel settore smartwatch.

Anche nel quarto trimestre del 2020 Apple domina nel settore degli Smartwatch: secondo le stime di IDC la multinazionale di Cupertino ha spedito 55,6 milioni di questi device, aumentando di circa 12 milioni le vendite. Sono molto lontani i competitor: Xiaomi ha spedito 13,5 milioni di pezzi ed è al secondo posto, seguono Samsung e Huawei. Un altro dato significativo è che il 75% delle vendite degli Apple Watch sono arrivate da chi non ne aveva mai comprato uno.